Grace Jones si esibisce allo Studio 54 (1977)

Grace Jones si esibisce allo Studio 54 (1977)

Prima regola per un party indimenticabile allo Studio 54: “invitare persone più interessanti di voi”. Non c’è alcun dubbio: a fine anni ’70 lo Studio 54 era il locale più cool di New York. “Era un periodo fantastico – ricorda Grace Jones – le celebrity semplicemente si riversavano allo Studio 54″.

Da Truman Capote, che lo definiva “il locale del futuro” a Liza Minnelli, da un giovanissimo Michael Jackson a Richard Gere, passando per Lauren Bacall, Sophia Loren, Woody Allen, Sylvester Stallone, Farrah Fawcett, Bianca Jagger, Dustin Hoffman, Shirley MacLaine, Olivia Newton-John, Diana Ross, Elton John e molti altri, allo Studio 54 ci andavano davvero tutti.

Ci andavano per festeggiare, ballare fino a notte fonda sotto la storica balconata con la postazione del dj o, come Andy Warhol che allo Studio 54 era tra i frequentatori più assidui, per scattare fotografie. O meglio polaroid, tante, bellissime, colorate, a cui si aggiungono le decine e decine di immagini realizzate in quei 33 mesi di vita dello Studio 54 e che oggi sono una testimonianza di quel periodo.

Tanti, anzi tantissimi, i volti noti negli scatti che fino a oggi sono parte della collezione privata di Steve Rubell, comproprietario dello Studio 54, e che domani saranno disperse all’asta dalla Palm Beach Modern Auctions. A partire dalle 18 ora italiana di domani 19 gennaio, sarà possibile acquistare all’asta, anche via internet o al telefono, più di un centinaio di oggetti, tra fotografie e memorabilia, usciti ormai più di trent’anni fa dal celebre locale newyorkese.

Impressionante la carrellata di nomi che si susseguono nelle immagini di party scatenati e serate indimenticabili. Come quella in cui Bianca Jagger, per festeggiare i suoi trent’anni, entrò allo Studio 54 in groppa a un bellissimo cavallo bianco, o quando Liza Minnelli e Andy Warhol festeggiarono insieme l’ultimo dell’anno, o ancora di quando Mick Jagger e la sua futura moglie Jerry Hall, circondati dai flash dei fotografi, entrarono nel locale per il party della notte degli Oscar.

Prezzi medi per portarsi a casa un pezzetto del glamour della New York di quegli anni, attorno ai 400 dollari, mentre per le polaroid di Warhol bisogna metterne in conto almeno 3.000. Come commentava sorridente Michael Jackson nel backstage del locale più amato dalle star, “it’s just so exciting”.